Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Punto Mondiali 3 - Punto col basket

Domenica pomeriggio ho preso un'importante decisione dopo aver visto la finale dei Mondiali, ma soprattutto dopo la premiazione, e cioè quella di smettere con il basket. Semplicemente questo sport, per come si gioca ora, ma soprattutto per come viene percepito, non fa più per me. E’ qualcosa di completamente diverso dalla cosa della quale mi sono innamorato nei miei anni più teneri e che ha poi, volente o nolente, dettato tutto il percorso della mia vita. Basta. Fermate il mondo, voglio scendere.

Punto Mondiali 2

Per farmi vivo più spesso in questi giorni cruciali dei Mondiali c’è un grosso problema. Il mio administrator è in ferie in Marocco, per cui, come avrete notato, già il pezzo precedente è stato postato in modo fortunoso, e in realtà non sono riuscito a capire come possa averlo fatto da qualche tenda beduina nel deserto (a lui piacciono i viaggi alternativi), dove dubito che ci sia una grande connessione Internet. Eppure ci sarebbe molto da dire. Per adesso, sperando che riesca prima o poi a produrre un altro miracolo, mi attengo alla falsariga del pezzo scorso, semplicemente traducendo i miei due pezzi usciti sul Primorski mercoledì (sconfitta della Serbia) e giovedì (tracollo USA).

Punto mondiali

Come sapete sono pigro e una delle conseguenze di ciò è che mi secca ripetermi, per cui così, giusto per dare qualche spunto alle vostre discussioni, vi propongo traduzioni di alcuni passi delle mie quotidiane colonne sul Primorski uscite nei giorni scorsi. Per esempio proprio il secondo giorno, dopo le prime partite, scrivevo:

Coppa del mezzo mondo

Mi rifaccio vivo un po’ in ritardo, vista l’attualità incombente, ma ho una flebile scusa, nel senso che ogni giorno scrivo un commento per il Primorski Dnevnik, dunque di mattina devo guardare le partite e poi scrivere il pezzo nel pomeriggio, per cui mi rimarrebbe un po’ di tempo la sera, nella quale però la mia voglia di lavorare, già scarsa di per sé, normalmente sparisce del tutto.

È ormai finita la prima fase e ora si comincia a fare sul serio. Com’era prevedibile dopo la prima fase sono sparite dal mappamondo cestistico le squadre asiatiche e quelle africane. Forse non era prevedibile che sparisse la Cina che pure si era preparata un sorteggio di tipo balcanico mettendosi nel girone due squadre come Polonia e Venezuela che avrebbero avuto pochissime chance di andare avanti in qualsiasi altro girone fossero capitate, ma evidentemente i cinesi, e le prove di questo si accumulano di anno in anno, sembrano negati a recepire i segreti del gioco del basket e già questa cosa dovrebbe stimolare un interessante dibattito antropologico-culturale che permetterebbe anche di sviscerare un po’ meglio quali siano le vere caratteristiche di una persona, e in senso lato di un popolo, che permettono di giocare a basket con cognizione di causa facendone sicuramente il gioco di squadra più affascinante che ci sia. Nel quale la statistica, i numeri, sono quello che sono, la massima bugia, per non dire frode, concepibile, mentre le vere doti che permettono di giocarlo e che poi fanno risultato sono a volte al limite, se non oltre, del metafisico.

Al centro del problema

Come tutti ben sapete la mia considerazione per il basket italiano, anche perché rispetto a voi sono molto meno coinvolto emotivamente, non è certamente elevata, soprattutto in questi ultimi tempi. Però devo dire onestamente che quello che ho visto in TV per il torneo di Atene mi ha letteralmente stravolto, tanto che, forse per la prima volta nella mia vita, ho provato pena per quei poveretti che sono stati letteralmente sbriciolati dalla Serbia. Anche perché conosco molto bene la mentalità serba dopo aver avuto a che fare per più di 40 anni con il basket jugoslavo, e il loro linguaggio del corpo durante tutta la partita è stato il linguaggio serbo più umiliante che ci sia, quello cioè di chi si rende conto di aver a che fare con un avversario talmente più scarso da non avere neanche il più piccolo stimolo di prenderlo un po’ in giro (ricordate? – i serbi prendono in giro solo quelli che stimano e temono), un po’ della serie: “poveracci, ci vergogniamo di rubare caramelle ai bambini”. 

L'€state delle donne

Riprendo a scrivere qualcosa dopo un periodo di ferie dalla pensione. Nel senso che sono stato un paio di giorni da mia nipote in Germania (con foto allegata del sottoscritto davanti al gigantesco Euro dell’Eurotower di Francoforte – messaggio politico…), poi sono stato ospite del mio amico Sergio Costantini a Vittorio Veneto per l’inaugurazione del primo club ufficiale in Italia di appassionati del biathlon al quale faccio da promotore affinché vi si iscriva il maggior numero possibile di appassionati che so che ci sono anche in questo blog (Walter, Roda?) con conseguenti facilitazioni che ogni club riconosciuto dall’IBU dà per la partecipazione agli eventi dal vivo, poi ancora sono stato ad una cena con amici a Lubiana…come vedete non mi annoio di certo.

La musica si è fermata

Ormai mi sembra che siamo diventati tutti filosofi-sociologi-antropologi-politologi e che forse ci stiamo allargando un tantino. Quando però si discute dei massimi sistemi, “count me always in”, per cui, a rischio e sprezzo del pericolo e della vergogna, sono ovviamente nella mischia.

Giustamente neanche io voglio parlare di politica, primo perché le mie idee le conoscete tutti ed è totalmente inutile che le stia a ripetere e poi perché è un argomento delicatissimo che tocca corde molto sensibili e scoperte, nel senso che in definitiva chiunque abbia un’idea politica è abbastanza normale che scivoli nello strisciante fondamentalismo, che pensi cioè di essere lui nel giusto e gli altri nello sbagliato, per cui bisogna redimerli e riportarli sulla retta via. Un po’ come avviene nella religione. E, se ci pensate bene, è anche giusto e ovvio che sia così. Quando uno ha un’idea, una convinzione, chiamiamola pure un’ideologia, l’ha perché evidentemente ci ha riflettuto, si è fatto prima un’idea e poi una convinzione, e, visto il lavoro intellettuale (quello per la maggioranza della gente più difficile) che ha dovuto fare, gli ripugna il pensiero che in definitiva possa aver sbagliato.

Altri articoli...

  1. La natura delle cose
  2. Foto e Video Sconvenscion Giugno 2019
  3. Sconvenscion incommensurabile
  4. Stupidazia
  5. Liberi e perfide
  6. Timbrare il cartellino
  7. Proposta sconvenscion
  8. Il peggior migliore di sempre
  9. Insieme aperto
  10. Furia iconoclasta
  11. Università indifendibili
  12. Insegnamento ad eliminazione diretta
  13. Mi Alma perdida
  14. Ricordo bene
  15. Nomi da dimenticare
  16. Lingua dominante
  17. Danko e Kamenko
  18. Tiriamo le fila
  19. Scelte individuali
  20. La tecnica dei pensionati
  21. Hanno ammazzato il basket, il basket è vivo!
  22. Annuncio Sconvenscion
  23. L'Olimpija e l'Olimpia da 1 a 5
  24. Sconvenscion all-around
  25. Mars Attacks!
  26. Nazionali improbabili
  27. Mista bene!
  28. Pezzo in stile libero
  29. Io mi (auto)stimo moltissimo
  30. Ci vediamo A Trieste
  31. Annuncio sconvenscion 30 giugno
  32. Piano coi numeri
  33. Astuzia o fatica
  34. Mi là no!
  35. Andrea Tosi intervista Sergio Tavčar
  36. Guastatori, elettori, allenatori
  37. Istruzione e universitari
  38. Vedo il Grande Fratello
  39. Non è uno sport per signorini
  40. Fak you!
  41. Da Belgrado all'America
  42. Vacche e banane
  43. Delo-crazia all'italiana
  44. Ragioni invisibili
  45. Aperti i giochi della Sconvenscion
  46. Scacco al rey
  47. Sconvenscion a tema Eurolega
  48. Banditi della politica
  49. Fantasia italiana
  50. Ripuliamo il mare
  51. Parola di tifoso
  52. ...
  53. Sogno di una notte di fine estate
  54. Generazione di fenomeno
  55. Un basket preso in giro
  56. PronOstico per l'Italia
  57. Pensiero primitivo
  58. Dritto al punto
  59. OltrePassiAmo
  60. Il tempo del Re
  61. Sottrarsi alla pugna
  62. Orrore al merito
  63. Signora pallacanestro
  64. Luogo sconvenscion
  65. L'incubo di Milano
  66. Annuncio Sconvenscion 10 giugno
  67. SqualiFibateci!
  68. Divaghiamo alla sconvenscion
  69. Procediamo con moderazione
  70. Per chiudere il circo
  71. Cambierà la musica
  72. Cui prodest?
  73. C'erano una volta i giovani
  74. Ricomincio ad alzare il gomito
  75. Sorpresa di Natale
  76. Per morti ma non per tutti
  77. Leggete quello che scrivo?
  78. La Scempio League della FIBA
  79. La Slovenia si è messa in moto
  80. Diamoci una regolata
  81. Che razza di basket
  82. Il vero basket è quello USA (ma non quello che pensate voi...)
  83. Il doping in fumo
  84. È Stato il doping
  85. ...che si credono aquile
  86. Da Praprot a Messina
  87. Specialmente due
  88. Chi ha fifa della FIBA?
  89. Basket vs basket
  90. StrampaLLato!
  91. Filosofia materiale
  92. Saltiamo in Slovenia
  93. Stelle cadenti
  94. Giusto o sbagliato
  95. Sfogo sulla pelle
  96. Annuncio Sconvenscion - Aggiunta
  97. Annuncio Sconvenscion
  98. Europei 2015 - Commento 13
  99. Europei 2015 - Commento 12
  100. Europei 2015 - Commento 11
  101. Europei 2015 - Commento 10
  102. Europei 2015 - Commento 9
  103. Europei 2015 - Commento 8
  104. Europei 2015 - Commento 7
  105. Europei 2015 - Commento 6
  106. Europei 2015 - Commento 5
  107. Europei 2015 - Commento 4
  108. Europei 2015 - Commento 3
  109. Europei 2015 - Commento 2
  110. Europei 2015 - Commento 1
  111. NBA non ti vorrei
  112. Le partite delle stelle
  113. Articolo femminile
  114. Da Cleveland alla sconvenscion - 2
  115. Annuncio: Sconvenscion (e altro...)
  116. Da Cleveland alla sconvenscion
  117. L'accento su Lebron
  118. Che perda il migliore...
  119. Una primavera del basket
  120. Fisico e fisica
  121. Tiro dritto
  122. Una lega dell'oro
  123. Non sgombriamo il campo
  124. A interesse zero
  125. Brutta copia
  126. La sorpresa e la difesa
  127. Attrazione esotica
  128. Mondiali medievali
  129. Mettiamo le cose in regola
  130. Il basket preso a calci
  131. Annuncio: Sconvenscion
  132. No se pol veder
  133. La fortuna e avere Blatt
  134. Incontro reale
  135. Incontro con Sergio Tavcar e Federico Buffa
  136. L'ultima classifica
  137. Stufato di basket
  138. Sport, gioco e lavoro
  139. Blog Olimpico Sochi - 3
  140. Blog Olimpico Sochi - 2
  141. Blog Olimpico Sochi - 1
  142. Un salto alle Olimpiadi
  143. Le 3 leggi della telecronistica
  144. Due sport e tre auguri diversi
  145. Sudoku sulla luna
  146. Che passi l'angoscia
  147. Sport sano in mente sana
  148. Non di solo basket
  149. Un'altra storia
  150. Omogeneizzato di basket
  151. L'estasi della finale
  152. (Mini) Commento Europei 18
  153. (Mini) Commento Europei 17
  154. (Mini) Commento Europei 16
  155. Commento Europei 15
  156. Commento Europei 14
  157. Commento Europei 13
  158. Commento Europei 12
  159. Commento Europei 11
  160. Commento Europei 10
  161. Commento Europei 9
  162. Commento Europei 8
  163. Commento Europei 7
  164. Commento Europei 6
  165. Commento Europei 5
  166. Commento Europei 4
  167. Commento (a margine degli) Europei 3 - Incontro Meneghin-Vilfan
  168. Commento Europei 2
  169. Commento Europei 1
  170. L'attacco che fa la musica
  171. In diretta (?) da Capodistria
  172. Povera Italia
  173. La Cattiva Germania
  174. Non di solo doping vive l'uomo...
  175. Il mostro della sconvention
  176. Annuncio sconvenscion
  177. La morte di Dražen
  178. Smodiš, buon lavoro!
  179. La squadra in testa
  180. Giocare a basket
  181. L'accento sulla zona
  182. Intervista DailyBasket - La rivoluzione del tiro da 3
  183. Senza (dis)soluzione
  184. Zona Sport - intervista a Trinchieri
  185. In nome del basket
  186. Coach di mestiere
  187. Iguanodonte ostrogoto
  188. Ritorno al futuro
  189. Statisticamente significativo
  190. Istruttori e distruttori
  191. Estrazione a morte
  192. Bastardi di tutto il mondo
  193. Polonarač
  194. La teoria dell'Eurolega
  195. Aperitivo sotto canestro
  196. Tasse ed Europa
  197. ANNUNCIO
  198. Dio salvi la Gallina
  199. Un passo indietro
  200. Allenando con le stelle
  201. Blog Olimpico - 17
  202. Blog Olimpico - 16
  203. Blog Olimpico - 15
  204. Blog Olimpico - 14
  205. Blog Olimpico - 13
  206. Blog Olimpico - 12
  207. Blog Olimpico - 11
  208. Blog Olimpico - 10
  209. Blog Olimpico - 9
  210. Blog Olimpico - 8
  211. Blog Olimpico - 7
  212. Blog Olimpico - 6
  213. Blog Olimpico - 5
  214. Blog Olimpico - 4
  215. Blog Olimpico - 3
  216. Blog Olimpico - 2
  217. Blog Olimpico - 1
  218. Calma pre-olimpica
  219. Parole giovani
  220. Basket di 20 anni
  221. Cose umane
  222. Tecnica-mente parlando
  223. Lo fattore Q
  224. Mistero Buffo-n
  225. I campioni (dei) superlativi
  226. Pianto greco
  227. Cartoni Rossi
  228. Non dire quattro...
  229. Incontro toscano a Sansepolcro
  230. Atleti cestisti di oggi e di ieri
  231. Un gioco da ragazze
  232. Ci play o non ci sei?
  233. Fak, the college basketball!
  234. Gli amanti del fallo
  235. Linsanity? Lin's sanity!
  236. I due talenti
  237. Talento contrario
  238. Spazi d'altri tempi
  239. Gemelli diversi
  240. Canestro sotto l'albero
  241. Lezioni dimenticate
  242. Prima che il Gallo canti...
  243. Questione di maneducazione
  244. Ci vuole un fisico bestiale?
  245. Pian e ben!
  246. Testa di calcio
  247. Fenomeni a casa loro
  248. Macerie e Maccabi
  249. Canestro in buca
  250. Vecchia pura Macedonia...
  251. Los pronosticos optimistas
  252. Una manovra correttiva per l'Italia
  253. Europei in giapponese
  254. Ancora sugli Europei
  255. Campionati eVropei
  256. La (ex) Jugoslavia dei sogni
  257. Nuotatori emergenti
  258. Dalla Danimarca alla Georgia
  259. Mi pronuncio così!
  260. Giovani, donne e il tennis di una volta
  261. Se Atene piange...
  262. L'Italia slovena e il tedesco americano
  263. La responsabilità di crescere
  264. Prima e doping
  265. Allenatori di ieri, tennisti di oggi
  266. L'urlo di Obradović
  267. Coach e analisi di un fenomeno...
  268. Presentazione Libro
  269. Carte in regola
  270. Statistiche e bugie
  271. Rivedo un buon basket
  272. Le formule dell'imbecillità
  273. Contatto cattivo
  274. La minoranza è ovunque
  275. Prossimi incontri con Sergio Tavčar
  276. Morale a fondo
  277. Lezione di tango
  278. Per forza o per amore
  279. Comandi, sior paron!
  280. Il sorteggio delle regole
  281. Il triste addio all'ultimo dei mohicani
  282. Giovani e Vecchi(ato)
  283. Impatto zero
  284. Dober Dan
  285. Pensieri di Natale
  286. Operazione Eurolega
  287. Fate partire la musica!
  288. Un basket diverso?
  289. Uno vs Uno: Dan Peterson e Sergio Tavčar
  290. La storia di Fragolino
  291. Non vengo anch'io
  292. Di telecronache, Olimpija e citazioni
  293. Telecronisti radioattivi
  294. Fondamenta superficiali
  295. Un gioco da ragazzi
  296. Giovani a parole
  297. Errori e non errori
  298. Pallacanestro all'italiana
  299. I magnifici sette
  300. L'infranto sogno americano
  301. Time out
  302. Presentazione del libro a Trieste
  303. In difesa dell'attacco
  304. All'attacco, finchè Durant
  305. Cose turche (dopo Turchia-Serbia)
  306. Gioco di parole
  307. Giocatori con-vincenti
  308. Fisicamente impossibile
  309. Il paio di Siena
  310. Ho scritto "Francia" sul muro di Berlino
  311. S'ciavi
  312. Gli ottavi dei mondiali su Telecapodistria
  313. Grazie di stomaco
  314. Schemi mentali
  315. Poco Gentile con Rubio
  316. Piano col Brasile...
  317. Rivoluzione francese
  318. Un grande futuro alle spalle
  319. 4 punti da segnare
  320. Presentazione del libro